Pages Menu
Rss
Categories Menu

Postato mercoledì, 10 luglio, 2013 in Social Media Marketing | 0 commenti

Che cos’è l’engagement, come si misura e come crearlo

Che cos’è l’engagement, come si misura e come crearlo

113 Flares Twitter 40 Facebook 0 Google+ 29 LinkedIn 38 Pin It Share 6 Email -- 113 Flares ×

Sin dai tempi dell’antica Roma, l’obiettivo principale (sbagliato!) se non unico di una fan page era, anzi è purtroppo quello di aggiungere più fan possibili utilizzando tutti i trucchi malefici che pochi esseri umani possono immaginare, dimenticandosi di costruire una piccola cosuccia che si chiama “engagement”.

Engagement, tradotto in italiano in “coinvolgimento”, misura il successo del messaggio condiviso con il pubblico e ha lo scopo di creare “legami” forti tra il brand e i suoi fan, fino a convertirli in clienti, o almeno di creare una fiducia tale che l’utente possa consigliare il brand ai propri amici, attivando uno dei più potenti mezzi, a mio parere, del marketing: il passaparola. Questo è a mio parere il primo, dei tanti obiettivi di una fan page: creare engagement.

Quando un community manager pubblica uno stato con relativa foto pensa che “dietro” c’è un lavoro immenso, fatto di ascolto, analisi, strategie di comunicazione, obiettivi da raggiungere ecc. Non escludo l’intuito e la conoscenza del proprio pubblico!

Il brand deve generare contenuti per stimolare discussioni, confronti, conversazioni fino ad aumentare il reach per cercare di coinvolgere anche gli amici dei fan.

Creare engagement significa creare legami forti. Creare legami formi migliora la fedeltà, aumenta il passaparola e l’autorevolezza del brand.

Come si calcola l’engagement rate? Di seguito la formula AGGIORNATA per facebook, twitter e google plus.

calcolo engagement facebook twitter googleplus

Esistono anche software che ti calcolano l’engagement rate ma non tutti hanno disponibilità economiche tali da poterli acquistare.

Il successo dipende quindi non dal numero dei fan, ma dalla qualità, quindi dal livello di coinvolgimento di ogni singolo fan a interagire con i singoli contenuti.

Ora ti ho convinto vero? Meglio pochi fan buoni (coinvolti) che tanti è NON INTERESSATI al brand. Un engagement rate alto permette inoltre di raggiungere un reach vastissimo aumentando in modo naturale e spontaneo il totale dei fan.

Esempi di tipi di engagement:
1) Mi piace alla pagina
2) Visitatori/Fan che interagiscono con un post (e link) attraverso il commento, like e share.
3) Fan page taggata
4) Post e foto caricate dai fan spontaneamente
5) Risposte a una domanda e offerta

Come aumentare il coinvolgimento?

1) Principalmente con i contenuti ovviamente e non sempre autopromozionali! Il vero soggetto non è il brand come molti pensano ma i fan, i clienti! I contenuti devono essere interessanti e utili per il pubblico!

2) Le foto, strettamente connesse al messaggio, sono in assoluto il formato con un alto tasso di engagement, a seguire i video, link blog e i messaggi di stato. Secondo Social media examiner un messaggio troppo lungo è poco coinvolgente. Sii sintetico, creativo, emozionante: coinvolgi!

3) Scelta orario pubblicazione. Non esiste una formula magica o universale valida per tutte le fan page. Prova, analizza, riprova e rianalizza.

4) Conoscere il target.

5) Comunicare spesso: 1 post al giorno? Vuoi per mancanza di tempo, vuoi per mancanza di denaro da investire, vuoi per paura di pubblicare sciocchezze. Considerando che in media un post vive 3 ore, io sono GENERALMENTE per i 3 post al giorno. Fortunatamente i brand che rappresento hanno tanto da comunicare! Ma ripeto: dipende dal brand.

6) Valorizza i fan, falli sentire unici e importanti: eventi esclusivi, codici sconto, contenuti sbloccabili solo per i fan per creare loyalty. Dai non un motivo, ma tanti motivi per invogliare la gente a tornare sulla tua fan page.

7) Interazioni: falli divertire, ascoltali, risolvi problemi, stimola la loro inventiva, attira la loro attenzione, racconta storie, chiedi il loro aiuto, fai domande. Questo significa anche essere semplici, informali, simpatici, empatici, originali e perchè no: mettici la faccia, umanizza l’azienda, mostra il backstage!

8) Contest: ormai anche le pietre sanno che i contest hanno un alto tasso di engagement. Ti prego, evita di lanciare il solito photocontest o numero ad estrazione. Falli divertire fino a coinvolgere i loro amici. Stimola la loro creatività e fissa nella loro mente il brand che rappresenti.

9) Meme e citazioni di personaggi famosi.

10) Frasi da completare.

11) Top Fans (premia il fan più attivo del mese).

Ascolta le conversazioni per capire quali sono i contenuti che colpiscono l’interesse del tuo pubblico e adattali al linguaggio e ai modi di fare dei tuoi fan. Non postare poco ma neanche tanto.

Tutti sanno aprire una fan page, ma i veri professionisti sanno creare RELAZIONI attraverso soprattutto contenuti strategici.

Print Friendly
Follow me!

Michelangelo

Founder at Fusion Lab09
Consulente Marketing Freelance con l’obiettivo di aiutare le aziende, attività commerciali e professionisti a rafforzare la propria brand reputation on/offline.
Follow me!
113 Flares Twitter 40 Facebook 0 Google+ 29 LinkedIn 38 Pin It Share 6 Email -- 113 Flares ×





L'articolo ti è piaciuto?
Miglioralo lasciandomi un commento e condividilo con i tuoi amici.




L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons .E' consentita la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali a patto che venga citata la fonte.
E' vietata la riproduzione delle immagini anche solo in parte

Nasce Fusion Lab09. Consulenza in: SMM, Email marketing, Ecommerce, Blog corporate e Brand reputationVISITA IL SITO
113 Flares Twitter 40 Facebook 0 Google+ 29 LinkedIn 38 Pin It Share 6 Email -- 113 Flares ×